Home
 
        Biografia
 
         Archivio
 
           Diritti
 
         Contatti
 
            Blog
 
  Link e attrezzature
 
 Articoli di fotografia
 
 Dati tecnici del sito
 
   Stampe e servizi
 
       Guestbook
 
    English version


 

 

                                                                             Trent' anni fa moriva Herbert List.

 

Parlare di Herbert List è come dire un figlio dell’ Italia, anche se il suo nome, ha tutti gl’accenti teutonici della Germania. Ma il suo legame con il territorio italiano è sempre stato molto intenso e lo dimostrano le sue fotografie, i suoi libri e i tanti viaggi che ha effettuato.
Il fotografo amava le bellezze dello Stivale, ma in particolar modo quell’ atmosfera mediterranea che cominciò a conoscere prima come semplice curioso e poi nell’immediato dopoguerra immergendosi da interprete culturale che descriveva nelle sue immagini, stimolando così una fervida creatività unitamente allo spirito di osservazione.
Herbert List era nato da una famiglia borghese nel nord della Germania, nel 1903, e di estrazione religiosa ebraica, quando il nuovo secolo cominciava a prendere conformazione e una direzione di quella che sarebbe stata dopo qualche decennio una sorprendente rivoluzione industriale, indirizzata ad un repentino progresso.
Fin dai tempi dei primi apprendimenti la sua inclinazione era votata verso l’arte ma scelse il liceo classico, su consiglio della famiglia d’origine e per un maggiore approfondimento storico – letterario.
La collaborazione nell’azienda commerciale del padre dopo la scuola gli consente di fare numerosi viaggi in Sudamerica, ma questo lavoro non durerà molto poiché decide di dedicarsi a tempo pieno come fotografo e pertanto si trasferisce a Parigi.
List non ha avuto un Maestro nel vero senso della parola e stranamente i suoi inizi furono insoliti e completamente diversi da altri artisti.
Le prime immagini sono delle estemporanee e strane riproduzioni di nature morte, tese ad essere stilizzate, dove però si desumeva una volontà di acquisire una fantasia la quale era ancora sommersa. Quando divenne famoso queste sue immagini la critica le definì surrealismo e nuova oggettività.
È una parte della sua vita molto formativa dal lato professionale e lo dimostra il fatto che questa sua tendenza si amplierà in altre branche esplicative della fotografia.
Nel periodo dell’anteguerra List compie il suo primo lavoro: un incarico in Grecia a fianco del fotografo Gorge Huene, da cui uscirà un personale libro “ Licht Uber Hellas “ basato sul passato della mitologia greca e le sue forme, dove non viene quasi mai esaltata la figura umana.
La Grecia come l’Italia furono le due grande attrazioni di Herbert List, le quali sfociarono nel desiderio di partecipazione alla vita di questi paesi.
Terminata la pubblicazione non riuscì ad eludere l’arruolamento militare e immediatamente dopo la fine del conflitto ritorna a Monaco per fotografare la città distrutta. Comincia così un fervido periodo che lo porterà a viaggiare nei Carabi e in Africa, la collaborazione con l’agenzia Magnum, Epoca e altre testate giornalistiche di prestigio. Sul piano commerciale è il periodo più fulgido del fotografo e sistematicamente alterna soggiorni in Italia.
A cavallo degl’anni cinquanta e sessanta il nostro paese esibisce una rinascente vitalità sociale e anche mondana: List si dedica a compartimenti stagni nei suoi numerosi lavori, discendenti di un neorealismo fotografico che assimila e riprende la corrente dei Maestri più noti come Cartier Bresson.
Racconterà così in modo formale la vita della società nel cuore di Roma, in particolar modo nel quartiere di Trastevere, tutti piccoli eventi legati alla quotidianità fermandoli in momenti radicali come uno specchio di un Italia rigogliosa.
In questo lavoro è chiaro l’ utilizzo di un mezzo meccanico e ottiche più snelle, tutti elementi confacenti per una ripresa più dinamica.
Da qui il passaggio ai ritratti che saranno frutto di profonde amicizie con noti personaggi culturali italiani.
Il fotografo grazie al suo impegno, alla stima che riconosce a queste personalità e la conseguente ammirazione, riuscirà a instaurare rapporti che lasceranno un segno indelebile nella sua professione.
Benedetto Croce, Marino Marini, Anna Magnani, Cesare Zavattini, Vittorio De Sica, Pasolini, Morandi, De Chirico e tanti altri, spesso ripresi nei loro studi o atelier.
La ritrattistica di List non è mai monumentale e leggendaria, neanche particolarmente sontuosa sia dal lato puramente tecnico, costruttivo e quello espressivo, ma bensì una derivazione che interpreta sostanzialmente una galleria di personaggi che hanno delle affinità intellettuali e di pensiero con le sue preferenze personali.
E proprio per questo nasce l’elaborazione di un progetto che si concretizza in un libro con Vittorio De Sica: “ Napoli “, foto di scena del film il “ Giudizio Universale “ e dell’amorevole e solidale relazione che aveva il regista con questa città.
Ma la bellezza dei raffigurati umani non si ferma qui, con esponenti della letteratura e dell’ arte: il fotografo è abile a contrapporre sul piano oggettivo delle figure più semplici, gioiose e bambinesche, aristocratici in decadenza, anonimi cantanti di matrimonio oppure un frate questuante, o il lacrimoso addio pregno di dolore di alcune madri per la partenza dei loro ragazzi, i quali emigrano Oltreoceano in cerca di fortuna o perlomeno di una stabilità lavorativa.
Sono scatti che esaltano la grande diversificazione visiva di fronte al soggetto, ma anche alle tematiche, esponendo così   l’altra parte di un suo modo di scrutare tutto quello che era circostante.
Con l’avanzare degl’anni la passione della fotografia subisce un lento declino e il suo ultimo lavoro fotografico s’incentra solamente sulla vecchiaia e gl’ anziani.
Herbert List s’immedesima sensibilmente in quello che viene definito il naturale tramonto dello spirito vitale, l’anteprima della dipartita. Sono foto che destano malinconia, un bianconero maggiormente cupo che ha perso in parte quei giochi di luce e delle ombre che hanno caratterizzato a lungo la sua maturità artistica insieme alle  geometrie e la duttilità. Le ultime immagini della carriera sono essenzialmente un indagine sociale alla quale per certi versi il suo fisico e la mente partecipano direttamente.
Qualche critico ha scritto che erano fotogrammi che potevano essere risparmiati, intollerabili, ma se li analizziamo con estrema attenzione ci si ritrova un po’ del carattere del fotografo, un impalpabile inquietudine che lo ha accompagnato per tutto il suo percorso terreno.
Il cimitero monumentale di Milano, un vecchio piegato che cammina appoggiato al bastone e totalmente preso dai suoi pensieri mentre si dirige verso una necropoli a Lecce, una vedova, due uccelli uccisi e appiattiti sulla parete di un’abitazione, ma soprattutto le tetre ecatombe del Chiostro dei Cappuccini a Palermo, dove si disgiunge una rosa bianca, da sempre simbolo di purezza e di vitalità, a contrastare con sarcasmo un immaginaria conversazione verbale tra due mummie e violare allo stesso tempo una religiosità che si respira in questi luoghi.
Non si sa se quel fiore il fotografo lo mise di proposito, ma certo è che l’effetto metaforico è di forte impatto e rappresenta palesemente la teatralità del cammino umano e innanzitutto quello che in noi, senza eccezioni di sorta,  ci trasformerà.
E’ il  testamento che l’ esteta tedesco ci lascia,  poiché da questo momento abbandona la fotografia per sempre. Anche qui si ritrova una similitudine con Henri Cartier Bresson, ma a differenza del compagno di avventura creativa il distacco nelle motivazioni è forse meno netto e per niente traumatico.
Negl’ultimi anni Herbert List è un visitatore di musei senza la fotocamera e con piacere e saggezza ritorna a quello che fu il primo amore per l’arte, dedicandosi così alla collezione e al riassesto  dei disegni del barocco e del manierismo, quell’orientamento pittorico che è stato anche uno dei tanti punti di riferimento e fondamentali nel tragitto della fotografia contemporanea.
Muore a Monaco nel 1975.

Gianluca Fiesoli, Italia, 3 Dicembre 2005.

________________
 

       Anna Magnani, 1951.          De Chirico, 1951.          De Sica, 1961.

       Anna Magnani, 1951                De Chirico, 1951.                                   Vittorio de Sica, 1961.

 

       Palermo, 1960.  Napoli, 1959.  Roma, 1953.

                     Palermo, 1960                              Napoli, 1959                                      Roma, 1953.

 

Fotografie di Herbert List ©.

 

 


© gianlucafiesoli.com

Tutte le fotografie sono di proprietà di
Gianluca Fiesoli.

Nessuna parte dell’Archivio
può essere riprodotta o trasmessa
o fotocopiata senza
 il permesso del fotografo,
come da leggi italiane e internazionali
sui diritti d’autore.

All photos are property of
Gianluca Fiesoli.
No part of Fiesoli’s Archive
may be reproduced or pass                   
on photocoping without
a permit of photographer,
like italian and international,
copyright laws.
 

                              Powered by YNS - all rights reserved Copyright 2017.